Carnevale e dintorni.

Curioso il carnevale moderno. Delle tradizionali maschere del carnevale (il siediaro, il mattacino, la gnaga, il lacchè, brighella e buranello) non vi è traccia per calli e campielli.

Al loro posto bellissime maschere. Le incontro la mattina presto e tardi la sera nei pressi del ponte dei sospiri e sotto gli archi di San Marco. Nessun veneziano principalmente tedeschi, svizzeri e francesi. La potenza del carnevale moderno. Bauta e tabarro rimangono confinati negli atelier dei mascherai, artigiani della maschera, a ricordare come era il carnevale antico.

Si è appena consumato l’antico rito di apertura: il volo della colombina con salde radici nella storia risalenti ad un episodio conosciuto come lo svolo del turco.

Bere n’ombra a Venezia è un rito, la miglior forma di socializzare che si rinnova di giorno in giorno. Un amico venexiano mi racconta dall’antica abitudine dei venditori ambulanti in piazza San Marco di posizionarsi sotto l’ombra del campanile e di spostarsi, di ora in ora, per seguirla e mantenere fresco il vino. Oggi l’ombra è il bicchiere di vino che si beve nei numerosi bacari sparsi nella città. Da qui nasce questo andar lento alla ricerca del bacaro perfetto. Mi spingo verso i Tolentini nel sestiere di Santa Croce. Andè a magner da Lele có un euro e meso te magni un panineto e n’ombra de vin. Stante le dimensioni del locale è possibile disporre di uno spazio dove ciacolare proprio di fronte all’adiacente piazzetta, sagrato della chiesa di San Nicola, affacciata sul canale.

Altro luogo simbolo, per me, è il Paradiso Perduto a Cannaregio. So stà al Paradiso a magnare tutto. I muri prima che a questa osteria appartenevano all’associazione “Remo d’Oro”, storica remiera del sestiere. Le pietanze sono tutte specialita’della cucina tradizionale veneziana. Il Paradiso è anche un luogo dove ascoltare musica dal vivo e seguire spettacoli serali.

I foghi dall’Arsenale fanno da corollario al mio Carnevale.

 

                         

CC BY-NC-ND 4.0 Maschere e Bacari a Venezia by Bitacora-Semplicemente un blog di viaggi is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

  • Enhorabuena y mucha suerte con esta iniciativa. Gracias por compartir tus vivencias con todos los soñadores. Quiero compartir contigo esta frase que encontré hace tiempo y me gusta mucho. La frase dice: “Si quieres algo ve a por eso. Haz que pase. Trabaja en ello. Porque lo único que cae del cielo es la lluvia”

    Lorenza

    • Robi

      Gracias por acompañarme en esta aventura.

  • Fabrizio Gerardi

    Un ombra de vin in compagnia è tutto

    • Camilla

      Senza ombra di dubbio.

      • Robi

        Grazie della visita . Che N’ombra sia foriera di buoni auspici

    • Robi

      Grazie ne’

    • Giulia Gerardi

      La Gerardezza è tutto nè

  • Nuria Asencio

    Para el aventurero que todos llevamos dentro, gracias por compartir con nosotros ” los soñadores” tus hazañas y tus viajes por el mundo.
    Seguiré compartiendo contigo esta frase que tanto me gusta;
    “Si quieres algo ve a por eso. Haz que pase.Trabaja en ello. Porque lo único que cae del cielo es la lluvia”
    Nuria

    • bitacorablog

      Muchas gracias por valorar mi trabajo!